OSTIA, UN NUOVO VOLTO PER IL BORGHETTO DEI PESCATORI

Via libera della Giunta capitolina per il restyling del caratteristico quartiere dei pescatori. I lavori, previsti nel Piano di Zona, partiranno ad inizio 2011: verranno create 80 nuove abitazioni in bioedilizia intorno alla Comunità e saranno introdotti tutti i servizi primari necessari.

IL BORGHETTO DEI PESCATORI - Le nuove abitazioni saranno dotate di tutte le più moderne tecnologie ispirate al risparmio energetico.

di Francesco Gabriele

(pubblicato su Il Corriere Laziale il 12/11/2010)

Passato e futuro di Ostia si cingono attorno al restyling dello storico Borghetto dei Pescatori.

E’ ormai definitivo, infatti, il via libera all’intervento di ampliamento e riqualificazione del caratteristico quartiere del lido ostiense, grazie alla delibera della Giunta capitolina che lo scorso 27 ottobre ha sancito la “conferma della titolarità del diritto di superficie in favore della società cooperativa edilizia Borghetto dei Pescatori”.

Tradotto: i lavori possono andare avanti, entrando così ufficialmente in quella seconda fase preparatoria all’apertura dei cantieri previsti per l’inizio del 2011, quando partirà l’azione di realizzazione di un terzo edificio residenziale in bioedilizia al quale verrà poi affiancata un’area commerciale costruita a basso impatto ambientale.

Due gli obiettivi, complementari, dell’opera. Il Piano di Zona locale – denominato B43 – prevede, infatti, la costruzione integrata di una doppia cubatura, una residenziale (di oltre 23.000 mc) ed un’altra non residenziale (pari a circa 1.200 mc), secondo quelle che sono le direttrici fondamentali del progetto, ovvero la creazione di nuove abitazioni intorno al nucleo originario della Comunità dei Pescatori e il recupero urbanistico dell’intera zona, attraverso soprattutto la predisposizione di servizi primari e secondari di cui, ad oggi, il quartiere è sostanzialmente privo.

80 GLI ALLOGGI PREVISTI. Realizzati esclusivamente nell’ottica del risparmio energetico e delle più avanzate tecnologie edilizie. Non ci saranno caldaie, ma pavimenti che irradiano calore grazie ad apposite sonde geotermiche capaci di arrivare fino a 130 metri dal suolo. La produzione di acqua calda sarà affidata ad un impianto solare centralizzato. Mentre tutta l’energia elettrica necessaria proverrà dall’installazione di pannelli fotovoltaici. Si tratta del primo progetto di edilizia residenziale pubblica in Italia in classe A+, indice che sta ad indicare che le abitazioni producono più energia di quanta, in realtà, non ne consumino. In questo modo, dunque, sarà possibile raggiungere un doppio risultato: l’abbattimento della spesa per l’energia (che costerà 200 euro l’anno rispetto ai 1.800 euro che servono, in media, per una casa tradizionale) ed un bilancio energetico nettamente positivo.

“Stiamo parlando di un progetto assolutamente all’avanguardia – ha dichiarato, in proposito, l’Assessore alle Attività Produttive e al Litorale, Davide Bordoni – presentato alle Università di Parigi e Bologna ed interamente pensato secondo le più nuove e moderne conoscenze edilizie, che consentiranno un notevole risparmio energetico oltre al totale rispetto dell’ambiente. Invece di consumare, infatti, i nuovi appartamenti produrranno energia. Sorgerà quindi un nuovo quartiere che integra tradizione e innovazione. La conferma del Piano di Zona al Borghetto dei Pescatori, che abbiamo avviato alla fase finale, è l’ennesimo segnale concreto da parte dell’Amministrazione in favore della riqualificazione e della valorizzazione del litorale romano e del XIII Municipio”.

RIQUALIFICAZIONE DEL NUCLEO STORICO. Accanto alle abitazioni sorgerà finalmente un quartiere del tutto attrezzato. E’ in programma, infatti, un accurato intervento di recupero del centro nevralgico del borgo, patrimonio culturale dell’area ma anche cuore pulsante delle attività quotidiane dei suoi residenti. In particolare, si punterà alla costruzione di una scuola, al ripristino funzionale del verde presente e dell’intera area adiacente la ferrovia, ed, infine, alla restituzione agli abitanti del lido delle strade e del sagrato della chiesa.

Per la soddisfazione del Presidente del XIII Municipio, Giacomo Vizzani, che dopo aver incontrato, pochi giorni fa, una delegazione di architetti e imprenditori spagnoli giunti per apprezzare le innovative tecniche di costruzione che si stanno effettuando nel litorale sud della Capitale, ha riferito, entusiasta, che “il Borghetto dei Pescatori, d’ora in avanti, non rappresenterà soltanto la storia ma anche il futuro di tutti i cittadini di Ostia”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: