FARE IMPRESA DIVENTA PIU’ FACILE

Inaugurati i nuovi uffici del Suap, lo Sportello Unico delle Attività Produttive.

TEMPI CERTI E BREVI – Da ora piccole e medie imprese avranno un solo interlocutore al quale rivolgersi e dal quale potranno ottenere un unica autorizzazione per costruire.

Il Sindaco Gianni Alemanno inaugura i nuovi uffici del Suap con il tradizionale taglio del nastro.

di Francesco Gabriele

(pubblicato su Il Corriere Laziale il 15/06/2010)

Modernità, semplicità, velocità.

E ancora: chiarezza, comodità e facilità d’accesso.

Sono queste le parole d’ordine che contraddistinguono il nuovo SuapSportello Unico delle Attività Produttive – rilanciato ufficialmente dall’Amministrazione comunale ed inaugurato, con il consueto taglio del nastro, dal Sindaco e dall’Assessore alle Attività Produttive Davide Bordoni, primo fervido sostenitore dell’intero progetto.

Ricollocato nell’ambito dell’ex Assessorato al Commercio, nella cornice istituzionale di via dei Cerchi n.6, lo sportello “amico” degli imprenditori non rappresenta, in realtà, una novità assoluta del palcoscenico amministrativo della Capitale.

La sua istituzione risale, infatti, ai D.P.R. 447/1998 e 440/2000 e alle loro successive modifiche ed integrazioni.

Ma il salto di qualità definitivo e “di livello nazionale” – come dichiarato dallo stesso Gianni Alemanno – avviene soltanto oggi, grazie alla trasformazione di quello che era stato concepito ed utilizzato, fino a questo momento, come uno strumento di mera informazione per i cittadini – e rispondente, pertanto, al Dipartimento Comunicazione – in una struttura comunale operante ed operativa, con il compito specifico di semplificare tutte le procedure necessarie all’avvio di una nuova attività produttiva.

Chi vuole fare impresa, dunque, avrà ora un solo ed unico interlocutore al quale rivolgersi.

Meglio ancora: potrà contare su un “vero e proprio riferimento” – così lo ha definito il Sindaco – “in grado di aiutare praticamente ed in tutti i modi possibili la virtuosa realtà imprenditoriale, dando una mano, di conseguenza, anche a tutti i lavoratori in essa implicati”.

Come? Attraverso un sistema di controllo informatizzato, che mette il Suap in condizioni di dialogo immediato con tutte le pubbliche amministrazioni – Vigili del Fuoco, Provincia di Roma, ASL, Sovrintendenza Statale e Comunale – coinvolte nell’apertura di un’impresa.

Il coordinamento tra le Istituzioni e l’aggiornamento costante dei processi di formazione e sviluppo delle pratiche burocratiche – dislocate negli sportelli unici di tutti i 19 municipi romani – garantiranno una gestione unitaria delle procedure, rapida ed efficiente.

“Questo sarà uno stimolo per chi vuole investire in città in tempi certi e celeri” – ha sottolineato l’Assessore Davide Bordoni – “Grazie al procedimento unico e alla ricollocazione del Suap nell’ambito del Dipartimento Attività Economico-produttive facilitiamo la vita ai cittadini, riduciamo i tempi d’attesa e utilizziamo una piattaforma informatica capace di avviare una pratica, monitorarne lo stato di avanzamento, operare pagamenti e ricevere atti autorizzativi”.

Il Comune di Roma dà inizio, così, ad un piano di semplificazione amministrativa che parte da uffici più funzionali e al completo servizio dei cittadini: “Dare vita a un’impresa è un atto di coraggio oltre che di creatività” – è il ragionamento di Alemanno – “L’Amministrazione ha l’obbligo di aiutare realtà come queste, con una burocrazia dinamica che sia amica degli imprenditori e che non li ricopra di inutili ‘scartoffie’. Loro sono il grande patrimonio produttivo del nostro paese”.

Lo Sportello Unico andrà a rafforzare miratamente le iniziative in favore delle piccole e medie imprese (impianti di carburanti e strutture commerciali, industriali, artigianali e di servizi), definite dal vicePresidente della Commissione Europea Antonio Tajani – presente al brindisi inaugurale in qualità di Responsabile di Industria e Imprenditoria – “la colonna portante del nostro sistema economico, sulla quale bisogna puntare per creare occupazione e superare definitivamente l’attuale crisi economica”.

A Roma, almeno formalmente, fare impresa non è più un’impresa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: