ACCORDO COMUNE-IMPRESE PER SCONFIGGERE IL TRAFFICO

“Per migliorare mobilità e trasporti nel territorio metropolitano” il Campidoglio ha firmato un Protocollo d’Intesa con l’UIR che garantirà la cooperazione delle Istituzioni capitoline con l’imprenditoria privata nell’ambito dell’operazione “mobilità sostenibile”.

La conferenza stampa del Sindaco Alemanno prima della firma ufficiale al Protocollo d'Intesa.

di Francesco Gabriele

(pubblicato su Il Corriere Laziale il 18/05/2010)

Pubblico e Privato uniscono le loro forze al servizio della Capitale.

E’ stato firmato ieri in Campidoglio un “importante” Protocollo d’Intesa tra il Comune e la UIRUnione degli Industriali e delle Imprese di Roma – con l’obiettivo di risolvere definitivamente l’annoso problema del traffico romano e di migliorare la qualità del servizio offerto all’utenza dal sistema del trasporto pubblico.

Il gruppo di lavoro unico – che disporrà di un tavolo tecnico coordinato dalle linee-guida stabilite da un apposito Comitato di Governance – si colloca nella più vasta opera di realizzazione del Piano Strategico per la Mobilità SostenibilePSMS – già approvato dal Consiglio Comunale il 16 Aprile scorso e crocevia fondamentale per la candidatura della Capitale alle Olimpiadi del 2020.

“Oggi si dà inizio ad un percorso che permetterà finalmente alla città di raggiungere una qualità della vita degna dei suoi abitanti ed all’altezza di tutte le grandi metropoli europee” – questa la fiera premessa posta dall’Assessore alle Politiche della Mobilità Stefano Marchi durante la presentazione alla stampa del nuovo, ambizioso progetto – “Abbattere il traffico significa abbattere inesorabilmente anche l’inquinamento. Questa sfida si può vincere solo grazie ad una effettiva collaborazione – e ad un confronto propositivo tra le specifiche competenze – di Istituzioni ed imprenditoria locale, di modo che i diversi interessi in gioco possano concorrere, in realtà, al raggiungimento di un grande obiettivo condiviso: una mobilità leggera e conveniente, una mobilità sostenibile”.

Tre le condizioni fondamentali da creare per sconfiggere l’emergenza traffico capitolina: la valorizzazione dei sistemi collettivi del trasporto pubblico, in particolare di quello su ferro (treni, metro e tram); l’incentivazione dell’intermodalità per persone e merci, con lo sviluppo di adeguate strutture di supporto quali parcheggi pubblici, stazioni e nodi di scambio; e la riduzione dei fenomeni di congestione per mezzo dell’Infomobilità, un software capace di offrire in tempo reale ai cittadini un monitoraggio capillare dei flussi di traffico.

Per riuscirci, il Protocollo metterà a confronto l’esperienza di Roma Servizi per la Mobilità con quella del Comitato Scientifico dell’UIR, così che l’azione comunale possa essere sostenuta anche dal know-how e dalle nuove tecnologie di cui predispongono le imprese territoriali del settore. Tutto, naturalmente, appannaggio esclusivo della città: “Qui si mettono insieme competenze, non si creano nuove poltrone” ha specificato il Presidente dell’Unione Industriali di Roma Aurelio Regina.

Un “giustificato” ottimismo – in merito alla cooperazione tra Pubblico e Privato – lo ha mostrato Giuliano Amato, presente al fianco del Sindaco in qualità di Presidente del Comitato Scientifico dell’UIR: “Non si tratta di sogni sul futuro, ma di cose che siamo già in grado di fare. La domanda che ci siamo posti è che cosa le imprese sono disposte a offrire per risolvere il problema del traffico. Abbiamo contattato Roma Servizi, con la quale c’è già alle spalle un grande lavoro che, da oggi, è pronto ad essere trasformato in realtà. Non appena saranno vinte le resistenze dei diversi operatori concorrenti, creeremo una piattaforma di dati unica che analizzi con sistematicità i vari flussi di traffico”.

Del Sindaco, naturalmente, l’ultimo commento di giornata, prima della sottoscrizione ufficiale dell’accordo davanti agli obiettivi attenti delle telecamere. Gianni Alemanno ha sottolineato che “il coinvolgimento del mondo dell’impresa privata rappresenta sì una solida risorsa per reperire investimenti, ma anche la base per sviluppare importanti innovazioni che consentano a Roma di proiettarsi con maggiore slancio in un futuro sostenibile”.

“L’operazione infine” – ha rassicurato – “garantirà una ulteriore trasparenza sulle decisioni prese, grazie ad un tavolo tecnico-scientifico basato su un’unica governance condivisa”.

Poi la firma, ed una stretta di mano che mette il traffico alle strette.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: